Tutti i posts in Psicologia della famiglia

Come capire se è il partner giusto?

Come capire se è il partner giusto?
Commenti disabilitati su Come capire se è il partner giusto?

Capita di rimanere colpiti da una persona, di iniziarla a frequentare e di non riuscire a capire se sia il caso di fidarsi o meno. Quali sono i segnali che ci fanno capire se sia vero amore e se sia il partner giusto?

Sopraggiungono a volte le paure, altre volte invece iniziamo sin da subito a fantasticare sulla persona e sul suo futuro con lui. C’è chi tendenzialmente corre molto; chi invece va pian piano per timore di soffrire.

In entrambi i casi, tuttavia, arriva un punto in cui ci domandiamo se la persona conosciuta possa o meno diventare il nostro “partner stabile”.

Partiamo prima da una domanda fondamentale: credete nel colpo di fulmine?

Bene, vi spiego un pò come funziona tendenzialmente in una coppia, dal punto di vista psicologico.

Le forti passioni esistono, è vero…ma bisogna andare con cautela.

Come si instaura un legame di attaccamento?

Il solido legame di attaccamento si sviluppa solo nel tempo, non nelle prime fasi di una relazione di coppia. Servono una serie di passaggi affinchè il partner diventi per noi una base sicura.

Le tappe evolutive di una relazione di coppia sono:

  1. ATTRAZIONE-CORTEGGIAMENTO-FLIRT: la persona ci attira, proviamo forti sensazioni ed emozioni e ci sentiamo coinvolti e incuriositi, anche sul piano sessuale.
  2. INNAMORAMENTO: La relazione si fa più intima, si sta bene insieme e si ha voglia di abbracciarsi, stringersi, tenersi per mano. Il partner tende ad essere scelto come figura si conforto, rispetto agli altri.
  3. AMORE: L’altro viene ricercato non solo per il conforto, ma anche perchè viene percepito come “rifugio sicuro”. Si passa dalla “passione”, all'”intimità”.
  4. FASE POSTROMANTICA: L’altro diventa una vera e propria base sicura; ci garantisce senso di benessere ed il legame si fonda su una interdipendenza emozionale. Ci sentiamo legati affettivamente all’altro e forti anche da soli; ci prendiamo cura di noi stessi e della coppia. Citando una frase di M. Gramellini, l’amore è una meta che si raggiunge in due, a condizione di aver trovato la strada da soli.http://www.fabrizialodeserto.it/coppia-in-crisi-e-un-bene-o-un-male/

Queste fasi rappresentano il modello generale di funzionamento di un legame che, nel tempo, può anche variare a seconda delle situazioni , della propria storia di attaccamento e degli eventuali cambiamenti che possono emergere nel tempo. Ciascuno di noi ha una propria storia e delle rappresentazioni delle esperienze di attaccamento (processi che sono alla base dei modelli operativi interni) che influenzano la scelta del partner e la tipologia di relazione che instauriamo.

Se decidiamo di rimanere con una persona, nonostante la stessa non ci faccia sentire sereni, felici, sicuri e ci limiti l’autonomia, dobbiamo probabilmente domandarci e riflettere, magari con l’aiuto di uno psicoterapeuta, cosa ci sia alla base della nostra scelta.

Bibliografia

  • Ainsworth, 1978 Patterns of attachment: a psychological study of the strange situation. Lawrence Erlbaum Associates Publichers.
  • Albasi, 2006. Attaccamenti traumatici, Torino Utet
  • Castellano, Velotti, Zavattini, 2010 Cosa ci fa restare insieme. Il Mulino.

 

 

Continua...

Hai adottato un bambino? 5 Consigli utili

Hai adottato un bambino?  5 Consigli utili
Commenti disabilitati su Hai adottato un bambino? 5 Consigli utili

Quando un bambino entra a far parte della sua famiglia adottiva ha bisogno di ricostruire un legame di attaccamento con l’ambiente per tentare di “sanare” lo strappo dalle sue radici.

Il bambino ha la necessità di ritrovarsi in un luogo caldo e protettivo e con genitori pronti a riceverlo e ad entrare con lui in sintonia.

Continua...

Mio fratello ha una disabilità. Ecco come mi sento

Mio fratello ha una disabilità. Ecco come mi sento
Commenti disabilitati su Mio fratello ha una disabilità. Ecco come mi sento

All’interno della famiglia, la nascita di un figlio portatore di disabilità determina certamente un forte cambiamento in termini emotivi.

L’intera famiglia molto spesso si focalizza sul bambino e sui genitori e rischia di trascurare i bisogni dei “siblings” (si tende ad usare questo termine per indicare i fratelli o le sorelle della persona con disabilità).

Continua...

Tuo figlio adolescente ti mette in crisi? Spieghiamo il perchè

Tuo figlio adolescente ti mette in crisi? Spieghiamo il perchè
Commenti disabilitati su Tuo figlio adolescente ti mette in crisi? Spieghiamo il perchè

L’adolecenza, come il diventare genitori e il passaggio alla terza età sono alcune delle crisi più profonde che può vivere una persona nel corso della propria vita. Tutte presuppongono un passaggio, una trasformazione e l’abbandono di antiche abitudini.

In questo articolo ci concentreremo sull’adolescenza e su come tale fase possa determinare una crisi non solo nell’adolescente, ma anche nel genitore.

Continua...

Italiano all’estero? Voglia di riscatto e malinconia

Italiano all’estero? Voglia di riscatto e malinconia
Commenti disabilitati su Italiano all’estero? Voglia di riscatto e malinconia

Sono sempre di più i giovani italiani che decidono di trasferirsi all’estero per cercare fortuna e trovare una collocazione sicura e definitiva al di fuori dal proprio paese.

Si parte con numerose aspettative, sogni e si condivide con orgoglio questa importante decisione con parenti ed amici.

Chi si trasferisce viene percepito da chi rimane come una persona coraggiosa e capace di affrontare le difficoltà con grinta, senza piangersi addosso le delusioni e le sofferenze determinate dalla condizione di instabilità.

Continua...

Separazione e figli: cosa accadrà al mio bambino?

Separazione e figli: cosa accadrà al mio bambino?
Commenti disabilitati su Separazione e figli: cosa accadrà al mio bambino?

“Mio marito ed io ci stiamo separando; come reagirà nostro figlio?” 

Tante le domande, tanti i dubbi e frequenti sono i sensi di colpa che i genitori, in via di separazione, provano nei confronti dei figli. Essi temono di far soffrire i propri bambini e tendono, talvolta, a tenerli all’oscuro di tutto o a coinvolgerli eccessivamente nel destino di coppia.
Accettare la rottura di un rapporto non è certamente facile; e dinanzi ad una  forte rabbia è frequente la difficoltà dei coniugi di non riuscire a gestire il loro forte carico emotivo. In tali casi, si cade spesso nel rischio di compromettere non solo il rapporto fra gli ex coniugi, ma anche la vita amicale, lavorativa e familiare.

Continua...